mercoledì 21 dicembre 2016

App per ricevere telefonate o videomessaggi da Babbo Natale! 

Dicembre...
L'aria fredda e penetrante, le luci di natale che adornano vetrine e balconi, le corse fatte per acquistare gli ultimi regali, i diversi presepi vengono addobbati con cura in tutte le chiese e, nelle case si respira oltre al profumo dei biscottini preparati con cura, la fantastica magia del natale che diventa quasi palpabile guardando i nostri bambini.

Ricordo ancora con nostalgia quando ero bambina...prima in chiesa per la nascita del bambinello e poi sapevo e aspettavo con ansia l'arrivo di babbo natale ma, in cuor mio ho sempre sognato e sperato di poter parlare con lui o di guardarlo dal vivo.

Quest'anno, ho deciso di sorprendere Clara con il mio cellulare!
Grazie al mio smartphone, Clara non crederà ai suoi occhi e alle sue orecchie!

Eh già, Clara potrà vivere la magia del natale e sognare ad occhi aperti anche grazie ad una splendida App!
PNP (Polo Nord Portable) è una bellissima App che consente di creare video, oppure di far ricevere una telefonata ai nostri bimbi proprio da Babbo Natale sul nostro dispositivo!

Io per Clara ho creato un video carinissimo(disponibile sia per bambini che per adulti), inserendo il nome(o nomignolo tra quelli disponibili), l'età, il sesso, la provenienza, si ha il modo di personalizzare il video come si vuole, se poi si vogliono inserire altri dettagli però, si dovrà passare alla modalità premium(a pagamento).

Grazie alle principali caratteristiche di questa splendida App(supportata da Android, iPhone, iPad e PC), possiamo:

  • Creare video;
  • Ricevere telefonate da parte di Babbo Natale;
  • Registrare la reazione dei bambini;
  • Ascoltare il giudizio di Babbo Natale(Premium);
  • Pass illimitati(Premium)per chiamate e video.
Questo è il video per Clara, non vedo l'ora di farglielo vedere!!   
Video


https://www.portablenorthpole.com/it/player/585a70a002ba3-585a70a002c47

martedì 20 dicembre 2016

Impacchettare i regali in modo alternativo?
Si grazie!


Eccomi qui con un nuovo tutorial natalizio tutto tenerissimo e simpaticissimo!

Insomma, basta  incartare i regali in modo tradizionale!
Almeno per i bambini e per i regali dalle scatole rettangolari o quadrate, cambiamo il modo di rivestirle!

Questo fantastico modo di impacchettare i regali, renderà felici i bambini ancor prima di scartare il regalo!

Per impacchettare i regali, riproducendo  la sagoma di un fantastico orsetto dall'effetto country occorrono:


  • Nastro adesivo;
  • Colla (vinilica possibilmente, io ho utilizzato l'Attak e si vedono i punti dove ho applicato la colla);
  • Pennarello;
  • Carta marrone per imballaggi;
  • Nastrino o fiocchetto già pronto(però si possono anche realizzare cravattini, papillon con carta crespa, collarini con campanellino etc)
  • Regalo da incartare;
  • Forbici;
  • Un foglio bianco o cartoncino.
Come prima cosa, dobbiamo aprire la carta da imballaggio, posizionare sopra il regalo(nel mio caso è un libro)e simulare la chiusura in modo da poter prendere le"misure" adatte del foglio, così facendo infatti, si eviterà di sprecare la carta inutilmente.

Subito dopo, dalla carta che è rimasta, tagliamo una striscia da dove successivamente ricaveremo le zampette e le orecchie( più è grande il pacco e più la striscia dovrà essere larga, insomma...questione di proporzioni 😀).

Con il pennarello, disegnamo le zampette e le orecchie sul foglio marrone, mentre, sul foglio bianco il musetto e ritagliamoli.
Dopo aver incartato il regalo in maniera tradizionale, e aver chiuso il tutto con il nastro adesivo, incolliamo con la colla vinilica, le zampette, le orecchie e il musetto.
Dopo aver lasciato asciugare bene la colla, disegnamo gli occhi e le varie "cuciture " sparse dappertutto(ovvio senza esagerare), io per renderlo più completo ho disegnato anche una toppa con il cuoricino, volendo però, si  può anche incollare un pezzettino di stoffa per renderla più reale, oppure semplicemente scrivere all'interno del quadratino il nome!. 
  







Ultimo passaggio..."vestiamo" l'orsetto a festa! 
Io ho scelto un nastrino rosso a pois bianco...
voi invece?
Come lo realizzerete?



mercoledì 14 dicembre 2016

Ci facciamo tante domande inutili ma...non ci siamo mai chiesti: cosa pensa mio figlio di me quando fumo?

Tutti noi sappiamo che fumare fa male, io, per fortuna, non ho mai sentito la necessità di "provare a fare un tiro" oppure fumare una sigaretta intera ma vorrei parlare con il cuore in mano a chi fuma.

Fumare è risaputo: non fa bene alla salute e sia chiaro,non voglio fare la paternale e tanto meno costringere nessuno a smettere perchè, io non sono nessuno per poterlo fare ma...guardando il video di Matteo Viviani, inviato del programma "Le iene" mi son scese le lacrime nonostante io e mio marito non siamo mai stati dei fumatori.

Avete mai pensato a ciò che realmente pensano di voi i vostri bambini quando tra le dita avete una sigaretta o semplicemente quando gli date un bacio al "profumo" di tabacco?

Sentire ciò che pensano questi bambini dei  propri genitori che fumano è stato per me, un colpo basso, un colpo al cuore, non so', ho avuto una strana sensazione, è come se, giocando alla battaglia navale mi sentissi "colpita e affondata" eppure...io non fumo!.

Avere una sigaretta tra le mani, è vero, rilassa, scarica la tensione etc ma...perchè non si cerca un diversivo? un modo per rilassarsi con qualcosa che faccia felice i bimbi e che faccia anche meno male alla salute?
La soluzione ideale, senza ombra di dubbio sarebbe quella di smettere, ma, se proprio non si riesce si potrebbe provare con una "strada alternativa" utilizzando l'e-cig con liquidi senza nicotina Vaporart !

Vaporart è un'azienda che produce liquidi aromatizzati per vaporizzatori personali(ex sigarette elettroniche).
Lazienda è di origini lombarde ed è nata nel 2013(quindi produzione del tutto italiana), i prodotti in questione, sono stati inoltre analizzati non solo presso il laboratorio di Tossicologia Forense di Milano ma, anche da altri laboratori certificati.

I dati dei risultati sono chiari: i vaporizzatori personali, abbinati a liquidi SENZA NICOTINA, sono molto meno nocivi delle sigarette tradizionali.
Matteo Viviani inviato de Le Iene, dopo l'analisi a campione del prodotto, ha potuto dimostrare come, tutti i liquidi vaporizzatori acquistati(con e senza nicotina)non contenevano concentrazioni di metalli pesanti tali da poterli ritenere dannosi.
I liquidi sono di purezza di grado farmaceutico  e la produzione è italiana al 100% !

Fumare accorcia la vita!
Ascoltiamo i nostri bimbi, diamogli retta!




lunedì 12 dicembre 2016

Acquadirose Edicart...
vivere una favola!


Raccontare le fiabe a un bambino è davvero fondamentale in quanto, riescono a far sviluppare l'intelligenza emotiva, stimolano il linguaggio, la fantasia e ogni volta che se ne legge una comincia una nuova avventura!

Fin da quando Clara era nel pancione, leggevo un sacco di libri per me(mentre dormiva), inoltre, avevo imparato perfettamente i suoi orari e, esattamente alle 21:15 arrivava il momento più atteso della giornata:una fiaba tutta per lei prima di darle con una caldissima carezza la buona notte e successivamente sentirla calma e...addormentata.

Non prendetemi per pazza o per una che racconta fandonie ma, studi scientifici hanno dimostrato che, leggere le fiabe in gravidanza è importantissimo, i bambini infatti, imparano a riconoscere l'intensità e la cadenza del linguaggio della sua mamma!ovvio nell'utero non capirà il contenuto ma è pur sempre una bella abitudine, lo definirei...un rito da non perdere!.

Ogni sera, prima di mettere Clara nel lettino, lei è pronta con le sue pantofoline e pigiamino alle prese con la ricerca del libro perfetto da leggere!.

Non vi nascondo che ci sono fiabe che abbiamo letto tantissime volte e che, se potessimo analizzare le pagine sotto uno speciale microscopio, risulterebbero logorate dalla continua scanzione dei miei occhi come un barcode in un supermercato che scansiona tantissimi prodotti al giorno.

Ultimamente, grazie alla splendida collaborazione con Edicart, abbiamo avuto modo di leggere una delle fiabe più belle e tenere che possano esistere:Acquadirose e il profumo magico.

Acquadirose è un libro dai colori tenui e dalle immagini dai tratti delicati, la sua copertina rigida permette di riporlo facilmente sul piano della libreria senza sgualcire le pagine.



Acquadirose, oltre ai suoi amici Ponpon e Biancofiore, ai suoi occhioni blue e ai suoi capelli lunghi e rossi, ha un dono naturale:grazie al suo olfatto sensibile e raffinato e con i petali che emanavano tanto profumo, lei riusce a creare maghiche essenze per le fanciulle del regno, quindi..era sempre alla ricerca di nuove piante, nuovi fiori per cercare di creare nuove essenze.

Un giorno però, una principessa gentilissima, dal cuore d'oro ma tristissima si recò da lei perchè le serviva una delle tante essenze magiche di Acquadirose, era afflitta e sconsolata, lei si vedeva bruttissima e le mancava l'amore! l'amore vero che solo un principe con il cuore d'oro le avrebbe potuto dare!.

Durante la ricerca dei fiori perfetti per l'essenza magica che doveva regalare a  Delfina(questo è il nome della principessa), Acquadirose incontrerà tanti splendidi fiordalisi e dei piccoli mughetti che, le doneranno parte del loro polline e petali profumati in modo da poter completare l'essenza che avrebbe realizzato in parte il sogno di Delfina!Dopo averla incontrata e dopo averle consegnato la boccettina, Acquadirose le disse di bere pochissime gocce...

Delfina dopo aver ricevuto la boccettina magica si ritirò al castello, si riposò e, il giorno seguente bevve tutta la boccettina! Successivamente perse i sensi e si addormentò in un sonno profondo lunghissimo.


Dormì di un sonno profondo, due giorni e due notti intere e, al suo risveglio, trovò il Re e la Regina che la guerdavano preoccupati. 

Dopo aver aperto gli occhi, la fanciulla non poteva credere a ciò che stava vedendo!...

Beh scusatemi però, il finale...è a sorpresa!
Per scoprire come và a finire, non vi resta che acquistare il testo di Sabrina Arcangeli  Acquadirose, edizione Edicart! Buona lettura e...buon viaggio sulle ali della fantasia!







Immagini di mia proprietà.

lunedì 5 dicembre 2016


E' Natale

E' Natale, è Natale,
chi sta bene e chi sta male:
c'è chi mangia il panettone,
lo spumante ed il torrone:
ed invece in qualche terra
i bambini fan la guerra.
Caro mio bel Bambinello
fa' che il mondo sia più bello
e con gli uomini in letizia
tutti in pace ed amicizia.
Ad ognuno fai trovare
ogni giorno da mangiare.
Della neve ogni fiocco
tu trasformalo in balocco
che poi cada lì vicino
ad ogni piccolo bambino.
Manda a tutti il proprio dono
e fammi essere più buono.


Filastrocca tratta da : Filastrocche.it

venerdì 2 dicembre 2016

Rinite allergica nei bambini, come riconoscerla?


Una delle infiammazioni nasali più comuni nei bambini è la :rinite allergica.

La rinite allergica, si presenta ogni volta che il bambino, viene a contatto con sostanze a cui è particolarmente sensibile quali :polline, spore di funghi, polvere e peli di animali.

Starnuti frequenti, gonfiore delle mucose nasali, occhi arrossati e prurito al naso e alla gola sono i sintomi che la caratterizzano a differenza di un banale raffreddore.

Tra i principali responsabili della rinite, troviamo i pollini, infatti ce ne accorgiamo subito quando è in atto una rinite da fioritura perchè compare spesso in primavera, nella scaletta degli agenti scatenanti troviamo al secondo e terzo posto:la polvere di casa e il pelo degli animali domestici (in particolare il pelo del gatto).
Non appena si manifestano i sintomi sopra elencati, bisogna far visitare il bambino dal pediatra che, valuterà le eventuali allergie in famiglia o la predisposizione ai disturbi allergici, si potrebbe inoltre ricorrere al prick-test per avere una maggiore conferma e riuscire a individuare l'allergene.
In caso di allergia forte e frequente, la rinite allergica potrebbe diventare cronica e, l'unica cosa che possiamo fare è quella di evitare che il bambino venga a contatto con la sostanza scatenante.
Tutti i disturbi della rinite si possono attenuare con la crescita o cambiando alcune abitudini di vita.


Fonte e immagine web.